Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Le novità, i test, le impressioni

Moderatori: Zuzz, fast3r, gianluigibombatomica

Avatar utente
Dr.Manetta
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 11983
Iscritto il: venerdì 14 aprile 2006, 11:17
Moto: Honda Hornet 600 Scacchi Gialli
Località: Pottopoli (a sud di Gnoccolandia)
Contatta:

Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Messaggioda Dr.Manetta » venerdì 20 gennaio 2017, 9:06

Immagine

Più potente, veloce, cresciuta nella cilindrata e disponibile in tre versioni, per piacere davvero a tutti. Arriverà a marzo, con prezzi a partire da 8.900 euro

la Street arriverà nei modelli S, R ed RS, diverse per potenza ed allestimento. Il motore cresce per tutte a 765 cc per aumentare potenza e coppia (invece di perderle con l’arrivo dell’Euro-4). Si parte dalla Street Triple S, il modello d’ingresso della gamma (disponibile anche in versione per patentati A2), con 113 cv a 11.250 giri. Per chi vuole di più ci sono la “R”, con 118 cv a 11.700 giri, e la top di gamma Street Triple RS, con 123 cv allo stesso regime.

Risultati ottenuti, quelli sopra riportati, con 80 componenti completamente nuovi: albero, pistoni, bielle e contralbero, ma anche canne dei cilindri, distribuzione, condotti di aspirazione e scarico e, naturalmente, le misure caratteristiche (78 x 53,4mm) cresciute sia nell’alesaggio che nella corsa. Già nella basica versione “S” potenza e coppia crescono nettamente rispetto al modello precedente; la R, grazie ad un albero motore dedicato, cresce nella potenza del 13%, mentre la RS cresce addirittura del 16% nella potenza e del 13% nella coppia, rispetto alla Street Triple precedente.

da Moto.it

Finalmente l'aggiornamento della Street è arrivato. Ad avere disponibili in tasca i dindini sarebbe subito la mia moto. Ma visto che mi accontenterei molto volentieri anche della vecchia, con questo aggiornamento è possibile che nei prossimi mesi esca l'affare. Intanto è bello sognare :lingua:

Avatar utente
rallysta
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 11302
Iscritto il: giovedì 13 aprile 2006, 12:13
Moto: Tuono
Località: Bologna
Contatta:

Re: Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Messaggioda rallysta » mercoledì 25 gennaio 2017, 16:19

Indubbiamente un mezzo interessante!
:rallysta: Dove passo io... Non cresce più l'erba! :ossom:

Avatar utente
Bendo
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7505
Iscritto il: lunedì 17 aprile 2006, 18:59
Moto: Honda Hornet 600 Blu
Località: Gnoccolandia
Contatta:

Re: Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Messaggioda Bendo » domenica 26 marzo 2017, 22:26

Grande Manetta!!!
Anche se non credo che l'RS venga via a 9k...
Purtroppo
"Piego, quindi sono."
(Joe Bar)
ImmagineBendo :bob: :bendo:
"Poche osservazioni e molto ragionamento conducono all'errore,
molte osservazioni e poco ragionamento conducono alla verità."
(Proverbio cinese)

Avatar utente
Dr.Manetta
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 11983
Iscritto il: venerdì 14 aprile 2006, 11:17
Moto: Honda Hornet 600 Scacchi Gialli
Località: Pottopoli (a sud di Gnoccolandia)
Contatta:

Re: Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Messaggioda Dr.Manetta » giovedì 4 maggio 2017, 15:00

Dopo essermi goduto la Thruxton R (nel post dedicato le mie impressioni) è la volta di provare una moto concepita per essere estremamente efficace su strada e non disdegnare la pista, la nuova versione di maggior cubatura di un must del marchio Tiumph: la Street Triple RS.
L'aspetto è il medesimo ed immediatamente riconoscibile, quello di una grintosa street fighter inglese, farcita di golosi accessori top gamma, dai freni agli ammortizzatori, dai quali traspare una qualità generale molto alta. Solo la livrea non mi convince moltissimo (ma sono di gusti difficili). In sella si sta anche comodi nonostante si percepisca che la postura è di quelle d'attacco, come è giusto che sia. Il cruscotto poi... è spaziale. Colorato, leggibile, intuitivo, una specie di smartphone sul manubrio.
Ma bando alle ciance, è il momento di girare la chiave, tirare al frizione ed accendere il motore e via!

Immagine

Per il giro si va solo in due, l'apripista (che prende il Thruxton) ed io sulla ST. Che fortuna! Mentre trotterelliamo sulla via di maggior traffico, io cerco di capire un po' meglio il mezzo che stringo fra le gambe. Che non mi delude. Cambio, frizione, freni sono modulabili e morbidi. Il motore gira corposo, senza strappi, sembra quasi sonnecchiare, ma appena si gira la manopola del gas per un sorpasso, anche sotto giri e di terza marcia, basta un nanosecondo affinché arrivi la spinta necessaria a fare tutto con estrema grinta. Il rumore poi... poesia. Gli specchietti a lato manubrio che sul Thruxton erano funzionali, sulla ST invece non sono il massimo. Sono perfetti per guardarmi i gomiti ed imprigionarmi le mani. Tanto per cercare il pelo nell'uovo... Ma volendo si possono sostituire con quelli tradizionali. Per il resto godo come un riccio. E godo che ti rigodo ci ritroviamo già all'incrocio per la stradina in salita, così l'apripista mette la freccia, svolta ed io lo seguo con l'intento battagliero di provare seriamente il mezzo sulla strada curvosa di prima.

Dopo un chilometro di salita e le prime curve mi domando: "perché l'apripista nel turno precedente piuttosto veloce, ora girella con la Thruxton così sotto ritmo?". Poi guardo il contachilometri e mi accorgo che la velocità in realtà è identica a quella di prima. E' la Street Triple che fa sembrare tutto più comodo e tranquillo. La sua reattività, la sua agilità, il suo motore rendono tutto molto più semplice ed immediato, tanto che si raggiungono velocità notevoli senza praticamente accorgersene. In curva l'anteriore è una lama inserita nell'asfalto, ma nonostante la granitica sicurezza che si percepisce dalla ruota davanti e l'estrema stabilità in piega, la moto è facilissima da far saettare da una curva all'altra in un pif paf esaltante. Il QS poi è veramente una figata quando si esce da una curva, si vede un rettifilo si apre il gas e si inseriscono due o tre marce. E' proprio una naked da sparo di quelle con la S (guarda caso di Street...) maiuscola.

Con i peli del collo ancora ritti ed un arrapamento sempre elevatissimo, in un batter d'occhio arriviamo in cima alla salita dove troviamo un gruppo di giovani pulzelle bionde e parecchio svestite di origine nord europea che ci sorridono ammiccanti. Un covo di potta... ma il mio unico interesse è verso l'apripista al quale chiedo di regolarmi la frizione che per i miei gusti stacca tardi. E mi accorgo che la regolazione è praticamente micrometrica. Trovo lo stacco giusto per me e ripartiamo in discesa. Cara potta addio, tra le gambe ho già qualcosa di molto interessante. Regolata a mio gusto, la frizione mi sembra ancora più efficace e gustosa da utilizzare, tanto che il quick shifter potrebbe quasi (sottolineo quasi) sembrare un accessorio inutile. Anche qui mi diverto a scalare marce su marce, un po' per gli ululati provenienti dallo scarico, un po' per capire l'antisaltellamento come si comporta. Bene, devo dire.
E si torna all'ovile.

Immagine

Conclusioni? La Triumph è riuscita a migliorare un progetto, quello della Street Triple, già ottimo in partenza. E lo ha fatto con intelligenza e perizia. Certo la RS costa un bel po' di euro, ma per la dotazione che ha la moto e quello che offre in fatto di guida ha un prezzo comunque molto competitivo. E' una naked veramente magnifica della quale ci si può innamorare perdutamente. Complimenti alla casa di Hinckley.

Avatar utente
rallysta
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 11302
Iscritto il: giovedì 13 aprile 2006, 12:13
Moto: Tuono
Località: Bologna
Contatta:

Re: Triumph Street Triple S, R ed RS 2017

Messaggioda rallysta » giovedì 4 maggio 2017, 16:37

E anche questo test è andato!
Spettacolo Manetta!
:-D

Inviato dal mio D5503 utilizzando Tapatalk
:rallysta: Dove passo io... Non cresce più l'erba! :ossom:


Torna a “Moto vetrina”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron